pilsner_ Nome: Pilsner Urquell
Nazione: Repubblica Ceca
Tipologia: Pils
Fermentazione: Bassa
Gradazione Alcolica: 4,4% vol.
Colore: Dorato
Fusto da 15 e da 30 litri

Storia e curiosità
Pilsner Urquell ha il merito di aver inventato lo stile Pils che ha rivoluzionato le birre
lager. Nel 1842, un mastro birraio tedesco ideò nella città di Pilsen, nell’allora Boemia,
una tecnologia che permise di utilizzare il calore indiretto per tostare il malto e far
precipitare i lieviti. Il risultato fu una birra leggera, dal gusto pulito e amarognolo,
incredibilmente bionda e trasparente. Il successo fu immediato: già nel 1865 la sua birra
era servita nei locali di Vienna e tre anni più tardi in quelli di Parigi. Nel 1874 arrivò la
consacrazione definitiva con l’esportazione negli Stati Uniti. Numerosi produttori
cominciarono a imitarne le caratteristiche, per questo motivo, a Pilsen, decisero di
aggiungere il nome “Urquell”: Pilsen Urquell significa letteralmente “l’originale di Pilsen”.
Oggi, dopo 165 anni di vita, Pilsner Urquell resta l’unica e originale birra Pils e la più
imitata al mondo.
Sensazioni e gusto
“L’originale di Pilsen” identifica ancora oggi una birra unica per gusto e aroma. Il merito
va senza dubbio alle straordinarie materie prime utilizzate: l’orzo della Moravia, il luppolo
Saaz e l’acqua purissima delle sorgenti locali. Appena versata, la Pilsner Urquell si
presenta di un bel colore dorato brillante, sormontato da una schiuma compatta ed
abbondante. Al naso si coglie l’aroma del malto, accompagnato da note floreali, ma
soprattutto dal profumo erbaceo del luppolo. Assaporandola si percepisce il suo gusto
unico, fine ed elegante: un mix di amaro e di dolce (per il malto), con finale fresco e
leggermente astringente. Sapori che permangono a lungo in bocca e che si rinnovano a
ogni nuovo sorso.
Abbinamenti
La Pilsner Urquell è particolarmente apprezzabile come aperitivo, data la stimolante
secchezza che accompagna la degustazione. In cucina, si sposa bene con piatti delicati
a base di pesce